LE PERSONE AL CENTRO DELLA ISO 9001:2015
Categorie: , Tag: , , , , , , , , , ,

Competenza”, “consapevolezza”, “comunicazione” e “conoscenza organizzativa” sono le Key Words che l’ormai in vigore ISO 9001:2015 dedica alla gestione del Capitale Umano, peraltro sdoganando il termine “Persone” in luogo di “Risorse”.

La norma indaga infatti ambiti come la ricerca e la selezione del personale, la formazione, la definizione e l’assegnazione delle responsabilità, il monitoraggio delle prestazioni. Si valorizza così, ad un ulteriore livello, il concetto di Knowledge Management che indica, da sempre, nella patrimonializzazione della conoscenza un fattore critico di successo.

Ci si sofferma sull’analisi del fabbisogno organizzativo, sulla mappatura delle competenze e sulle necessità in divenire; si approfondiscono i contenuti dei processi di recruitment, inserimento ed empowerment, come anche la capacità di coinvolgimento delle persone. La creazione e la gestione di un sistema di obiettivi orientati ed orientanti permettono di condizionare il raggiungimento degli scopi aziendali e di riconoscere il merito con equità e coerenza, così sostenendo anche il clima aziendale. Tutto questo favorisce esplicitamente la comunicazione, la consapevolezza di ruolo e la qualità dell’interazione e delle performance.

La gestione e lo sviluppo del Capitale Umano divengono così espliciti veicoli per il successo e la sostenibilità dell’azienda, come anche per il miglioramento continuo. Non stupisce in questo senso che la ISO 9001:2015 ripercorra, ed in un certo senso ricalchi, i contenuti di professionali interventi organizzativi; così come neppure che i temi della formazione e della comunicazione divengano ulteriori fondamentali pilastri di riflessione e attenzione. Questo in quanto il sistema ISO indaga e valorizza le best practice presenti sui mercati internazionali, con ciò diffondendo la cultura di impresa quale insieme interconnesso di competenze (sapere) azioni, (saper fare) e comportamenti (saper essere).